L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

architetture_cipollaDavid Chipperfield. Museo Folkwang ad Essen

Michele Costanzo

chipperfield_folkwangIl Folkwang Museum, realizzato da David Chipperfield (2007-2010) ad Essen, è un importante museo d’arte antica, moderna e contemporanea. Buona parte delle opere che raccoglie provengono dalla eclettica collezione di Karl Erns Osthaus che nel 1902 realizzerà un museo ad Hagen, facendo progettare gli spazi interni ad Henry van de Velde.
Nel 1922, dopo la sua morte, una “cordata” di industriali, banchieri e mecenati compreranno la collezione (per 15 milioni di Papiermark) per trasferirla ad Essen - nel cuore del bacino siderurgico della Ruhr - realizzando un nuovo edificio museale, progettato da Edmund Körner e denominato "Folkwang" [Sala del popolo], in una zona centrale della città. Mantenendo lo stesso spirito che aveva caratterizzato l’azione di Osthaus, con la stessa curiosità, attenzione e lungimiranza nelle acquisizioni delle opere.


Paul Joseph Sachs, uno dei sette membri fondatori del MoMA di New York, in visita ad Essen nel 1932, definirà tale importante struttura culturale come “the most beautiful museum in the world” una frase che resterà impressa nella memoria comune come un segno distintivo dell’intera città, al punto da essere scelta come titolo della mostra d’inaugurazione del recente museo (1). Tale mostra è stata anche l’occasione per riunire dopo settanta anni, seppure temporaneamente, le opere di Oskar Kokoscha, Wassily Kandinsky, Ernst Ludwig Kirchner, Marc Chagall, Giorgio de Chirico, Paul Gauguin, Franz Marc, ecc., rimosse nel 1936 dalle pareti del vecchio edificio - in seguito distrutto dai bombardamenti dell’ultima guerra - in quanto considerate dai nazisti arte degenerata e, quindi, disperse in numerosi musei e collezioni private straniere.
Nel dopoguerra il museo verrà ricostruito, su progetto di Erich Hösterey, Werner Kreutzberger, Horst Loy, nel sito del precedente museo.

All’inizio degli anni Ottanta sarà realizzata un’addizione che non troverà il consenso della critica e dei visitatori per l’inappropriata organizzazione dello spazio, l’eccesso di dislivelli, la fastidiosa presenza di pareti poste diagonalmente, la scarsa illuminazione naturale, etc.. Tutto questo porterà alla decisione, sempre rinviata per mancanza di fondi, della sua demolizione e ricostruzione. Fino a che, nel 2006, in vista della nomina di Essen nel 2010 a capitale europea della cultura, la Fondazione Krupp metterà a disposizione la cifra necessaria per il rifacimento dell’addizione (il Neubau) e il restauro della costruzione esistente (ovvero l’Altbau). Nel 2007 verrà bandito un concorso che sarà vinto da David Chipperfield Architects.
Numerosi sono gli edifici espositivi realizzati dall’architetto inglese nel corso della sua carriera, dedicati all’arte, all’archeologia, all’antropologia, alla letteratura e a quant’altro. Da tale esperienza egli avrà modo di analizzare e approfondire, da diverse angolazioni, lo specifico tema progettuale dell’organismo destinato alla conservazione e comunicazione (al pubblico) di opere, manufatti, reperti.
Questo museo, in particolare, rappresenta una sintesi e, a un tempo, un manifesto teorico/concreto del suo modo si concepire lo spazio destinato all’esposizione dell’arte. La linearità e la chiarezza organizzativa dei diversi ambienti che lo compongono esprime, altresì, la volontà di definire un luogo in sé ideale per la presentazione delle testimonianze artistiche del presente e del passato; non privo di un suo specifico carattere formale, ma non tale da creare disturbo nel dialogo che il fruitore abitualmente intesse nel suo percorso di visita con i capolavori esposti, riducendo al minimo le interferenze di tipo percettivo/ambientale. Un organismo ben composto, dunque, ed invitante, animato al suo interno da una luce artificiale e naturale dosata in maniera appropriata.
«L’autorevolezza costruitasi in questi ultimi vent’anni attorno alla sua opera», osserva Fulvio Irace, «sta nella sua capacità di trovare sempre tra astrazione e fisicità, tra idea e realtà un equilibrio, cui si può attribuire l’appellativo di “ordinario”, nella duplice accezione di elemento d’ordine e di elemento della vita di ogni giorno» (2).
La costruzione - che occupa due terzi dell’isolato urbano di pertinenza del museo - si svolge su un piano orizzontale e, poiché la superficie del lotto è leggermente digradante, nel procedere verso nord si trasforma in una sorta di grande podio che concettualmente e realmente si distacca dalle strade circostanti, dalla loro confusione e dal rumore del traffico; per cui, sopra tale piano orizzontale trova luogo l’edificio museale, mentre lo spazio sottostante è utilizzato come garage e magazzino.
L’impianto progettuale si basa su quattro cortili circondati da una struttura a chiostro, attorno a cui si addossano una serie di padiglioni. Lo spazio interno, tuttavia, non registra tale sommatoria di parti, ma si sviluppa in maniera continua, offrendo vari percorsi attraverso la collezione. “Dall’ingresso si può vedere ogni parte dell’edificio e ci si può orientare immediatamente”, afferma Chipperfield in un’intervista. “Al tempo stesso abbiamo voluto creare un edificio in cui ci si può anche perdere”. Ed, infatti, perdersi non è difficile in questi vasti spazi, dall’espressività compressa, ma dai percorsi dilatati, conseguenti all’ampia raccolta di opere.
La nuova struttura espositiva, bisogna osservare, tende a recuperare in maniera sottile l’impianto dell’Altbau ed un significativo aspetto del suo carattere che è il senso della permeabilità visiva. Una scelta che se, per un verso, coincide con la visione progettuale dell’architetto, per l’altro, corrisponde all’intento di non creare stridenti contrapposizioni tra la vecchia e la nuova costruzione, cercando di mettere in atto una forma di sfumata consonanza con il contesto. A tale proposito Chipperfield ricorda di essere rimasto colpito, nella sua prima visita al sito, dal fatto che passando con il suo taxi dinanzi all’edificio degli anni Cinquanta, poteva vedere all’interno i dipinti sulle pareti.
L’accesso al cortile d’ingresso avviene tramite un’ampia scala disposta in posizione laterale sul fronte est, lungo la Bismarkstraße, dove più avanti si trova anche il padiglione degli uffici - che corrisponde al punto in cui la pedana orizzontale raggiunge il massimo distacco dal suolo stradale - con il magazzino sottostante situato in corrispondenza del parcheggio.
Percorrendo la scalinata e raggiunto il primo cortile, da un lato si trova il caffè-ristorante e il bookshop e dall’altro l’accesso alla vasta hall dove al centro è situato il bancone della biglietteria. Successivamente, i visitatori incontrano un susseguirsi di spazi espositivi (con altezze fino a sei metri) ed altri ambienti di diversa destinazione: sala video, biblioteca e sala lettura, sala polifunzionale, spazio eventi, laboratori e aule seminariali.
Il pavimento interno è in cemento sabbiato. Il rivestimento delle facciate è realizzato con un materiale traslucido, simile all’alabastro, ma può ricordare anche il marmo o la pietra. Si tratta di un involucro composto di grandi lastre quadrate di vetro riciclato di color verdastro, leggermente ruvido in superficie. Il loro colore cambia con il variare della luce naturale. Le finestre sono integrate con il filo delle fronti esterne.


Note
(1) Il titolo completo della mostra è: “Das schönste Museum der Welt - Museum Folkwang bis 1933”.
(2) Fulvio Irace, Si potrebbe costruire un edificio, «Casabella» n. 789, maggio 2010.

David Cipperfield. Folkwang Museum, Essen
Progetto 2007
Completamento 2009
Inaugurazione 2010
Superficie 24.800 mq
Committente Neubau Museum Folkwang Essen GmbH per conto della Alfried Krupp von Bohlen und Halbach-Stiftung
Progettista David Chipperfield Architects
Strutture Ingenieurberatung Pühl and Becker VBI, Seroneit and Schneider GmbH
Impianti Giesen-Gillhoff-Loomans GbR, BBT Engineers
Consulenti per la facciata KonTec Fassadenberatung, Pazdera AG
Illuminotecnica Arup
Architettura del paesaggio Planungsbüro Meinholf Hasse

Si ringrazia David Chipperfield Architects per aver concesso la pubblicazione di un disegno e di due foto di Christian Richters (9 e 35).
Si ringrazia il Folkwang Museum per aver concesso la pubblicazione dei disegni del museo e delle foto di Jens Nober (4) e Wolf Hang (10, 17, 18, 19, 22, 23, 24, 28, 29, 30, 33, 34).
Si ringraziano infine Chistian Richters, Jens Nober e Wolf Hang per le loro foto.

 

Autore Data pubblicazione Volume pubblicazione
COSTANZO Michele 2010-10-19 n. 37 Ottobre 2010
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack