L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

New Museum of Contemporary Art, New York

Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa/SANAA

Carola Clemente

Nello scorso dicembre è stato inaugurato il New Museum of Contemporary Art di New York, progettato da Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa/SANAA. La nuova struttura, incastrata nel tessuto commerciale dell’East Village,  sorge in un isolato della Bowery street all’altezza di Prince strett, in una zona ancora non raggiunta dall’ondata della riqualificazione urbana ed edilizia che sta ridisegnando tutta la downtown di Manhattan. Il museo sorge infatti in una zona periferica rispetto al centro della vita culturale patinata delle gallerie di Soho o di Chelsey, per una precisa scelta programmatica della direzione del Museo.
Questa istituzione nata nel 1977 dalla espulsione dallo staff del Whitney Museum della sua storica direttrice, Marcia Tucker (1940-2006), che decise di dare vita ad un nuovo contenitore per la produzione e la comunicazione dell’arte contemporanea, aprendo a Soho la prima sede di quella che sarebbe stata l’istituzione di riferimento per l’arte contemporanea alternativa ai movimenti ospitati nelle grandi istituzioni museali americane.
In linea con la sua tradizione al momento di dover procedere alla realizzazione di una nuova e più adatta sede per le proprie manifestazioni, la direzione del New Museum ha scelto una zona di New York ancora fuori dalla grande ondata di rinnovo che ha investito Manhattan dopo l’11 settembre 2001 e, non volendo ricorrere alle grandi firme dell’architettura contemporanea che negli ultimi anni hanno conquistato la scena architettonica della città, ha individuato una rosa di architetti emergenti ma già di sicuro talento ed esperienza tra cui ha organizzato una consultazione sul progetto della nuova sede da inaugurare nell’anno del trentesimo anniversario della fondazione. Dal confronto tra David Adjaye, SANAA, Abalos & Herreros,  Reiser + Umemoto, Gigon Guyer, sono riusciti vincitori Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa/SANAA anche perché sono riusciti meglio ad interpretare lo spirito informale di grande apertura dell’istituzione museale. Sejima e Nishizawa ricevono l’incarico nel 2002 consapevoli di confrontarsi con un sito molto problematico, su cui non nascosero grandi perplessità insediative, e con un quadro di esigenze molto volatiti e difficili da interpretare.
L’isolato scelto per il nuovo edificio è strettamente incastrato all’interno di una corona di piccoli edifici commerciali non particolarmente qualificati lungo la Bowery street, una delle direttrici di traffico più intenso del sud di Manhattan, ma praticamente in asse con Prince street che ne permette una visione prospettica centrale anche a molti isolati di distanza La cellula individuata per il museo ha delle dimensioni planimetriche veramente minime, circa 21 metri per 35, su queste dimensioni ridottissime Sejima e Nishizawa hanno anche deciso di non utilizzare tutta la cubature disponibile, derivante dai quasi 55 metri di altezza dell’edificio, per realizzare un sistema di volumi molto più articolato di quanto non avrebbe consentito la completa saturazione volumetrica del sito.
Questa scelta si è rivelata vincente perché ha permesso massimizzare le superfici espositive mantenendo le chiusure verticali quasi completamente opache, aprendo tagli di luce in diversi punti sfruttando le articolazione dei volume dell’edificio. La configurazione spaziale dell’edificio è definita dalla giustapposizione di sette piccoli volumi sovrapposti in maniera apparentemente disordinata; la non perfetta sovrapposizione dei volumi è l’espediente trovato per permettere di portare la luce naturale all’interno dei volumi interni quasi completamente opachi. L’unico elemento di continuità strutturale e fisica tra le sette scatole è il blocco delle comunicazioni verticali.
Le piccole dimensioni dell’edificio e il sistema costruttivo adottato hanno permesso di ottenere tutti i sette piani completamente liberi da elementi verticali, ottimizzando in questo modo la flessibilità degli spazi espositivi. La realizzazione si presenta di una semplicità quasi brutale, la nettezza dei volumi è accompagnata dalla nettezza della soluzioni tecniche scelte per la realizzazione dei vari elementi.
La struttura portante a gabbia in acciaio è tutta dislocata lungo il perimetro dell’edificio, le tamponature verticali sono realizzate con un sistema sandwich leggero assemblato a secco che funziona anche da supporto per la lamiera in alluminio espanso anodizzato che, grazie alla sua morfologia, riflette la luce naturale creando effetti cromatici diversi che variano al variare delle ore del giorno e delle condizioni del cielo, andando dal bianco assoluto al grigio dell’alluminio naturale, passando anche dalle sfumature rosate del tramonto o al grigio piombo nella visione radente dal piano stradale. La foratura della lamiera permette attraverso una sapiente illuminazione radente notturna di accendere quasi l’intero volume dopo il tramonto, illuminando buona parte di un intorno urbano altrimenti molto poco vivace.
Il trattamento delle superfici esterne è declinato in vari modi per realizzare gli elementi delle finiture interne di partizioni verticali ed orizzontali; sono infatti realizzati con lo stesso materiale, semplicemente variando la dimensione della foratura della lamiera, i controsoffitti e i rivestimenti di alcune delle partizioni verticali e gli elementi di arredo del bookshop e del desk di accoglienza. L’utilizzo diffuso di questa maglia di alluminio crea un atmosfera vagamente nebulosa e lunare negli ambienti interni, accentuata dall’uso degli apparecchi illuminanti fluorescenti a luce fredda posizionati dietro le lamiere forate che funzionano anche da diffusori, rafforzandoo ancora di più la mancanza di polarizzazione della luce. Quasi tutti i pavimenti sono realizzati con un battuto di cemento industriale finito con una resina trasparente; questo trattamento accentua ulteriormente la ricercata mancanza di polarizzazione e l’informalità degli spazi necessaria a concentrare l’attenzione dei visitatori sulle opere e sulle istallazioni.
Sejima e Nishizawa hanno affermato di non voler nascondere la natura dell’edificio dietro degli schermi artificiali, cercando di gestire con sincerità e in armonia con la nudità degli spazi espositivi  la presenza della struttura dell’edificio e di tutte le sue parti di servizio; si intravedono gli apparecchi illuminanti, gli elementi dell’impianto antincendio, le linee dell’impianto elettrico e i canali del condizionamento, gestiti “massimizzando il sentimento della franchezza, realizzandoli nel modo migliore possibile pur rimanendo nei parametri della durezza.”  

Il programma dell’edificio si presentava abbastanza complesso dovendo contenere sia gli uffici che gli spazi espositivi del museo e i servizi ai visitatori nei circa 5.500 metri quadri dell’intervento.
Il programma è stato interpretato semplificando molto l’organizzazione delle funzioni contenute, cercando di destinare ad ogni livello una funzione in modo da ottimizzare la gestione degli spazi. L’edificio si presenta come una successione di scatole di dimensioni comparabili ma tutte differenti sovrapposte e slittate l’una sull’altra in maniera non ordinata; lo slittamento tra un volume e l’altro porta ad avere superfici, altezze interne e volumi differenti per ogni piano, offendo differenti opportunità fruitive ed espositive.
Il livello di accesso sulla Bowery è tenuto completamente aperto sulla strada, delimitato da una facciata continua da solaio a solaio realizzate con delle vetrazioni ultrachiare che garantiscono una perfetta visibilità tra interno ed esterno, tanto da dare l’effetto di continuità fisica tra l’atrio e lo spazio pubblico del marciapiede; questo effetto è ulteriormente esasperato dal trattamento del pavimento dell’atrio realizzato con un battuto di cemento ricercatamente non uniforme nella grana e nella resa cromatica. Al piano terra si trovano, in continuità con l’atrio, dedicato alla fondatrice del museo, Marcia Tucker scomparsa nel 2006, il book shop e la caffetteria del museo. Da una scala aperta nel solaio del piano terra quasi come una faglia luminosa, si accede al piano interrato dove si trovano il piccolo auditorium del museo da 180 posti e i servizi per i visitatori. Proprio i bagni dei visitatori sono l’unico elemento iperdecorato di tutto l’edificio; i rivestimenti sono infatti realizzati con un estetizzante mosaico coloratissimo rosso e grigio che riproduce degli enormi fiori di ciliegio.
I tre piani successivi sono dedicati alle sale espositive che presentano tutte condizioni di allestimento simili ma rfiuscendo a garantire una illuminazione ambientale differente; il gioco di sfalsamento dei volumi del museo conduce la luce nei vari piani in maniera sempre diversa moltiplicando le vocazioni espositive degli spazi.

sanaa_newyork_01.jpg
sanaa_newyork_02.jpg sanaa_newyork_03.jpg
sanaa_newyork_04.jpg sanaa_newyork_05.jpg
sanaa_newyork_06.jpg


Il terzo livello è l’unico che si apre al visitatore con una ampia vetrata verso l’ovest di New York, interrompendo per poco la continuità visiva dell’esposizione, permettendo al visitatore di ritrovare il contatto con l’ambiente esterno, da qui si accede ad uno spazio espositivo molto drammatico, più ridotto degli altri ma alto circa 7 metri, progettato per ospitare istallazioni di grandi dimensioni con condizioni di luce naturale molto variabili. Al quinto e al sesto livello si trovano gli uffici e le funzioni didattiche del museo, mentre al settimo una spettacolare sala polifunzionale – la Toby Devan Lewis Sky Room - che si apre su un’ampia terrazza; questo spazio è stato concepito per ospitare gli eventi straordinari del museo.

Nelle gallerie e in tutti gli spazi di comunicazione del museo gli elementi della struttura sono visibili, i controventamenti della gabbia strutturale, verniciati di bianco come tutti gli elementi tecnici del museo o semplicemente lasciati con il loro trattamento ignifugo a vista, fanno capolino tra le aperture dei lucernari e degli infissi, senza alcun pudore, come hanno affermato i progettisti “Noi vogliamo che l’edificio si mostri per quello che è. Questa franchezza è una costante come la franchezza del New Museum e riflette la sincerità della società di ogni giorno si muove lungo la Bowery.”
 
L’impatto del New Museum sul visitatore è certamente di grande effetto, il nitore della luce e della materia messa in campo a contrasto con la polverosa architettura commerciale della Bowery è sicuramente affascinante, ma la ieraticità dell’assoluta e ricercatissima mancanza di dettagli, il minimalismo brutale delle finiture e l’informalità del trattamento delle superfici, forse avrebbero meritato una maggiore cura nella loro realizzazione. Forse la realizzazione dell’edificio non ha saputo interpretare a pieno il rigore del progetto di SANAA che avrebbe necessitato di una maggiore puntualità nella realizzazione dell’informalità del dettaglio minimo. Questa condizione di aleatorietà tecnologica nella realizzazione di alcune soluzioni potrebbe condizionale la durabilità di alcuni elementi volutamente poco complessi.
È comunque evidente come la volontà di sottolineare la singolarità programmatica del New Museum rispetto alle altre istituzioni museali newyorkesi e americane in genere, abbia trovato in questa edificio la sua piena realizzazione.

New Museum of Contemporary Art
http://www.newmuseum.org

Kazuyo Sejima + Ryue, Nishizawa/SANAA, Tokyo
http://www.sanaa.co.jp

Foto C. Richters, D. Kaufman, L. Bologna, W. Zimmerman

NEW MUSEUM OF CONTEMPORARY ART - NEW YORK CITY
 

Localizzazione    235 Bowery, New York City
Cronologia     
Concorso ad inviti   2002
Inizio lavori   Novembre 2005
Fine lavori   Ottobre 2007
Apertura al pubblico   1° dicembre 2007
Committente
  New Museum of Contemporary Art
Responsabili del progetto   Lisa Phillips, Toby Devan Lewis Director, New Museum
    Lisa Roumell, Deputy Director and Chief Operating Officer, New Museum
Progetto architettonico
  Kazuyo Sejima + Ryue, Nishizawa/SANAA, Tokyo
Capo progetto   Florian Idenburg
Team di progetto   Jonas Elding, Javier Haddad, Erika Hidaka, Hiroaki Katagiri, Toshihiro Oki, Koji Yoshida
Project Management and Executive Architect   Gensler, New York – capo progetto Madeline Burke-Vigeland, Project Manager William Rice
Construction Management 
  Sciame, New York
Progettazione strutturale   Simpson Gumpertz & Heger Inc. -  Guy Nordenson and Associates
Progetto impianti
  Arup
Consulenti progettazione facciate   Simpson Gumpertz & Heger Inc., New York City
Consulenti per l’acustica del teatro   Harvey Marshall Berling Associates, New York
Superficie totale   5.450 mq
Superficie espositiva   1.600 mq
Costo complessivo
  64.000.000 USD
    Il costo comprende sia il costo di realizzazione del nuovo edificio che la riorganizzazione delle dotazioni e della collezione del museo. La spesa è stata finanziata completamente da una campagna di raccolta dei fondi e dalla vendita della precedente sede del Museo a Soho


Autore Data pubblicazione Volume pubblicazione
CLEMENTE Carola 2008-02-04 n. 5 Febbraio 2008
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack