L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

scritti_broccoliL’architettura è l’arte dell’equilibrio?

Roberto Secchi

secchi equilibrioCome spesso accade una domanda ne suscita altre. Soprattutto quando non sia posta da un soggetto attivo nello stesso settore di chi è invitato a rispondere. È la percezione della professione e del mestiere dell’architetto da parte di chi ne è estraneo che suggerisce la domanda in questione? L’architetto vi si riconosce? Perché l’architettura sarebbe l’arte dell’equilibrio ? Forse tra tutte le arti e le discipline è essa vocata più delle altre ad agire con equilibrio? Per l’equilibrio? L’equilibrio tra cosa? E poi cos’è l’arte e cosa l’equilibrio? L’equilibrio è inteso come misura? Come uguale ripartizione? Come moderazione? Come tale esclude la passione? Incoraggia l’oggettività e scoraggia la soggettività?

Eludiamo la prima e la più radicale delle domande presupponendo che si possa definire l’architettura un’arte – questione tutt’altro che risolta –, e attestiamoci sulla definizione classica di ars come abilità. Cosa che rimanda decisamente alla figura dell’architetto come faber, costruttore di spazi.
Dunque, l’architettura sarebbe un’arte dell’equilibrio, ovvero chi la pratica avrebbe a che fare con l’equilibrio, dovrebbe essere dotato dell’abilità di far valere l’equilibrio.
Questa enunciazione evoca diverse figure:

la ricerca dell’equilibrio tra le forze che agiscono sulla costruzione per garantirne la staticità;
la valutazione dell’equilibrio tra le parti e gli elementi di un’opera come categoria estetica legata all’idea di concinnitas (1);
la ricerca sino al raggiungimento dell’equilibrio tra i molti fattori costitutivi dell’opera e del processo progettuale;
il rischio corso da chi esercita la pratica dell’architettura costretto a farsi acrobata tra i mille pericoli, la moltitudine di insidie che il suo percorso comporta;
il legame che intercorre tra l’arte dell’architettura come arte dell’equilibrio e l’etica in virtù della comune radice delle parole aequilibritas ed aequitas nel termine aequus, equo, giusto.

La prima figura sottolinea il valore tettonico dell’architettura, la sua essenza di costruzione di spazi abitabili soggetti alle leggi della statica. Con la parola tettonica si evoca al tempo stesso l’antico termine tektonikè, che in greco significa arte del costruire, e le scienze della terra, di cui la tettonica costituisce una branca, quella dello studio della dinamica delle deformazioni della sua superficie, e che, riferita all’architettura, ci ricorda come essa collabori alla modificazione seppure alla microscala della crosta terrestre.
Ogni oggetto ha una sua struttura che lo mette in grado di sussistere in uno stato di quiete secondo le leggi della fisica. Si potrebbe dire, semplicemente di esistere: un uovo, come un sasso, come un albero – forme naturali –, una colonna, come un arco, come una casa – forme architettoniche. Le diverse forme nelle quali gli oggetti si costituiscono devono tutti rispondere a tale requisito.
Possiamo immaginare le forme nelle quali si presentano ai nostri occhi gli oggetti architettonici come attraversate da sollecitazioni. Queste sottopongono a vari generi di sforzi le parti più intime delle materie di cui sono costituite. Lo studio della forma in architettura include pertanto la sua idoneità a resistere alle sollecitazioni e, poiché è soggetta innanzitutto alla legge di gravità, a scaricarle al suolo. Nel segno delle leggi della fisica, il raggiungimento dello stato di equilibrio è la condizione della staticità dell’oggetto architettonico. Lo stesso dimensionamento delle sue membrature strutturali ed anche delle sue parti cosiddette portate si determina attraverso il calcolo di equazioni di equilibrio.
Queste brevi e banali considerazioni non sono inutili quando si pensi alla noncuranza con la quale la valenza tettonica e costruttiva dell’architettura sia trattata dalla critica e dal pubblico dell’architettura più incline a considerare gli aspetti estetici e il comfort degli spazi architettonici.
La solidità dell’architettura va poi considerata nella sua durevolezza nel tempo. La possibilità di permanere attraverso tempi anche molto lunghi di un’architettura si deve infatti alla cura che ci se ne prende per conservare in perfetta efficienza la sua capacità di opposizione non solo alle condizioni iniziali del suo carico, ma anche alla evenienza di circostanze nuove, dettate da eventi naturali o da modificazioni d’uso.
In riferimento alla seconda figura si possono ricordare la tradizione dell’estetica classica che indica nel raggiungimento dell’armonia conferita al prodotto lo scopo dell’arte e l’idea stessa di composizione come conduzione all’unità indistinta degli elementi e delle sue parti componenti. In architettura diceva André Wogenscky, – celebre collaboratore di Le Corbusier (2) – “uno più uno fa uno”. La famosa triade vitruviana di firmitas, utilitas e venustas non ammette la prevaricazione di una categoria sulle altre ma prescrive il conseguimento del loro giusto equilibrio.
Tutta l’architettura classica antica e moderna, si può dire sino alla Rivoluzione industriale, ha osservato questo principio. Come è noto, solo la sua crisi e la comparsa delle avanguardie storiche hanno aperto la strada alla sua palese contestazione. La triade vitruviana ha ceduto il passo a teorie che hanno celebrato e praticato la dismisura, la disarmonia e il brutto a vantaggio dell’espressione. Teorie che hanno riconosciuto dignità all’architettura solo puntando sul processo configurativo piuttosto che sull’opera compiuta, teorie che hanno rinnegato la possibilità stessa della perfezione in favore della perfettibilità, che hanno scosso dalle fondamenta le ragioni stesse dell’arte, che hanno decretato la sua fine, che hanno voluto ridefinire l’architettura attribuendole una sostanza esclusivamente tecnica, ludica o comunicazionale.
Dall’equilibrio come symmetria, euritmia, secondo le categorie vitruviane e le sue successive interpretazioni presso i trattisti dell’Umanesimo e del Rinascimento italiano e francese e presso i successivi commentatori, all’equilibrio ponderale, versione aggiornata dei principi compositivi dell’arte classica, propri delle teorie della configurazione volumetrica e spaziale degli autori più affermati del Razionalismo, l’equilibrio della composizione resta una necessità.
Un autore come Paul Klee ne fa un perno centrale della sua Teoria della forma e della figurazione (3). Klee è stato uno dei professori più incisivi nella formazione degli allievi del Bauhaus. C’è equilibrio perfino nei quadri futuristi dominati dalla rappresentazione della velocità. Taut, uno dei massimi interpreti dell’architettura dell’espressionismo, sostiene che l’architettura è proporzione (4). La proporzione o la sproporzione (che è comunque sempre il prodotto in negativo di un ordine), restano alla base dei processi configurativi. C’è chi sostiene essere la proporzione il fatto fondativo dell’architettura stessa (5). Certamente l’equilibrio resta un obiettivo ed uno strumento necessario del processo configurativo, anche se privato dei significati simbolici che gli sono stati attribuiti. La dismisura dei dipinti di Caspar David Friedrich (6) non è forse anch’essa testimonianza della ricerca intorno all’equilibrio? Georg Simmel comparando la pittura del Rinascimento Italiano con quella di Rembrandt (7) evidenzia come nel caso della prima l’unità della rappresentazione sia costruita su una disposizione degli elementi sulla base di schemi geometrici predefiniti, mirati a stabilirne l’equilibrio e la gerarchia, mentre nella seconda l’unità scaturisca dalla vita stessa conferita ai personaggi e alle azioni della situazione narrata. L’accento è qui posto su una differenza di concezione dell’equilibrio della figura che risale alla diversa inclusione del fattore tempo nella rappresentazione ed alla esclusione della forma a priori in favore di una formatività (8) interna al processo operativo.
L’architettura contemporanea ricerca anch’essa l’equilibrio della figura? Sono molti i casi in cui, nonostante dal punto di vista tettonico non se ne possa fare a meno, l’immagine conferita all’architettura sembra voler piuttosto sfidare le leggi della fisica che obbedirvi. Il grattacielo sfida nello sviluppo verticale la ragionevole appartenenza alla Terra delle costruzioni e dell’Umano, l’impiego di strutture in aggetto in dimensioni spesso smisurate, le audacie costruttive di molti progetti non provocano rassicurazione né suggeriscono l’impressione della stabilità. L’immagine dell’equilibrio non garantisce l’emozione che si vuole provocare nello spettatore. Ma è evidente che quando si entra nella sfera dello spettacolo, come l’architettura ha voluto fare o è stata indotta a fare, si cerchi di impressionare. Cosa dire poi delle architetture delle installazioni? Lì la volontà di generare sorpresa ed estraniazione raggiunge spesso il parossismo.

 



 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack