L'editoriale di (h)ortus


fave.jpg
Dopo quasi vent’anni di assenza – trascorsi, forse colpevolmente, a indagare architetture in luoghi più distanti del pianeta – sono ritornato a Urbino, alla ricerca non soltanto delle opere di Giancarlo De Carlo (e di tutti gli illustri architetti che lo hanno preceduto nella città di Federico da Montefeltro) ma anche della possibilità di fare un personalissimo punto sullo stato dell’architettura. Avevo sentito parlare da più parti del pessimo stato di conservazione degli Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

recensioni_verzaSacro GRA

Uno sguardo al paesaggio attraverso storie di margine

Cristina Sciarrone

sacro-gra«Cosa maschera e nasconde l’immagine d’ordine (forse un po’ angusta) del GRA?»(1)
Così scriveva Renato Nicolini in un suo articolo dedicato all’ “anello di saturno” (2) che circonda la capitale e che è reso oggi ancor più celebre grazie al film di Gianfranco Rosi, vincitore del Leone d’Oro alla 70° Mostra del Cinema di Venezia. Ed è forse questa la domanda a cui il regista ha cercato, a suo modo, di dare una risposta girando un film documentario su quella che potrebbe essere considerata la parte di Roma in cui maggiormente si rivelano le contraddizioni di una grande metropoli contemporanea: urban sprawl (3), segregazione sociale, grandi strutture commerciali che rappresentano i non-luoghi (4) per eccellenza, spazi del rifiuto, campagne urbane che resistono come isole superstiti delle distese agricole di un tempo.

Sacro GRA è un film sorprendente, che si presta a molteplici interpretazioni e che non è stato esente da critiche. Una, in particolare, denunciava un’assenza: quella del paesaggio.
Chi si aspettava di vedere un film sul paesaggio urbano della periferia romana a ridosso del GRA ne sarà certamente rimasto deluso. Perché in realtà il regista, coadiuvato da colui che è il vero promotore del progetto, il paesaggista Nicolò Bassetti, ha interpretato il tema del racconto del territorio romano lungo il GRA in maniera del tutto sorprendente: egli ha umanizzato il paesaggio. Ciò significa che esso viene rappresentato attraverso la componente sociale che vive in questi luoghi marginali della città eterna.
È un racconto sensibile, costruito attraverso le parole e i gesti di persone comuni che, con semplici azioni, contribuiscono a creare il proprio “paesaggio del quotidiano”. Grazie alla successione di questi piccoli frammenti della loro vita, che il regista riesce a cogliere con estrema attenzione, lo spettatore può immaginare mentalmente gli spazi reali in cui tali individui si muovono.
Il film nasce da un’idea di Nicolò Bassetti, che, trasferitosi da Milano a Roma, rimane sconcertato dalle emozioni suscitate in lui dal raccordo. La sensazione di spaesamento, accompagnata da condizioni personali emotive particolari e dalla lettura di testi particolarmente illuminanti, ha dato il via ad un progetto di esplorazione urbana che Nicolò ha compiuto con grande dedizione, percorrendo con estrema lentezza 300 km a piedi e realizzando un’operazione psicogeografica di deriva (5) urbana.
In questo senso, l’esigenza di Nicolò di ricostruire un rapporto con un territorio a lui sconosciuto nasce forse dalla sensazione di spaesamento (6) da lui provata e porta ad una necessaria realizzazione spaziale (7) di questi luoghi. L’unico modo per raggiungere questo obiettivo è rappresentato dall’atto del camminare: attraversando questi luoghi a piedi e osservando il paesaggio attorno a sé, egli costruisce una vera e propria mappa psicogeografica che parla sì di luoghi ma anche di persone e di vita vera, quotidiana.
Gianfranco Rosi interpreta magistralmente l’idea di Bassetti: durante il film, raramente incontriamo il paesaggio. Più semplicemente, lo possiamo immaginare attraverso le parole e i comportamenti delle persone che realmente in quel paesaggio si muovono.
Così, spostandosi da uno spazio di attraversamento veloce (il GRA) verso le pause della vita quotidiana, si possono incontrare strani personaggi, ognuno dei quali rappresenta un tassello fondamentale per l’operazione di ricucitura di un territorio frammentato come quello della periferia romana: Cesare l’anguillaro, che ci parla del paesaggio d’acqua per eccellenza, il fiume, la sua principale fonte di sostentamento e ragione di vita; il nobile decaduto Paolo, che ci racconta un paesaggio sociale fatto di paure e incertezze sul futuro; il palmologo che, con grande dedizione, combatte la sua guerra personale con il punteruolo rosso, raccontandoci di un paesaggio naturale che sembra impensabile all’ombra di una infrastruttura come quella del GRA e che sta a poco a poco scomparendo a causa di un vero e proprio virus che lo attacca dall’interno; il principe Filippo che vive nella sua villa con moglie e figlia ostentando la sua ricchezza e costruendo un paesaggio falsato, simile ai non-luoghi dei grandi parchi di divertimento realizzati nel nulla in tutto il mondo; il paramedico che, muovendosi sulla sua ambulanza, ci parla di un paesaggio notturno, in movimento, fatto di suoni, immagini sfocate, luci e ombre.
E ancora, gruppi sociali emarginati, chiusi nella propria segregazione e nelle proprie tradizioni, gli unici in grado di vivere gli spazi alienanti dei grandi quartieri periferici a ridosso del Raccordo, di cui si appropriano per trovare momenti di socialità e convivialità sulle note di balli latinoamericani che riecheggiano nei vuoti lasciati tra i grandi edifici della periferia romana.
E si rivelano così tutte le ambiguità e i fenomeni di margine che caratterizzano oggi le città contemporanee. Il film parla in realtà di un confine, quello tra città e campagna, che, lungi dall’essere segnato dalla presenza del GRA, appare oggi più che mai smarginato, sgretolato.
I fenomeni che il regista riesce a mettere in scena con grande acutezza e leggerezza sono quelli tipici di questi spazi di margine: ghettizzazione, esclusione sociale ed economica, ma anche voglia di costruire un legame identitario con i luoghi del quotidiano, attraverso fenomeni di appropriazione degli spazi.
Il Grande Raccordo Anulare diventa un espediente narrativo, appare sfocato sullo sfondo come un limite che non è limite, ma spazio di transizione, in cui tutte le differenze sociali vengono portate alle estreme conseguenze e si riflettono nel contesto spaziale circostante.
Dal tragitto lungo la strada si dipanano le diverse uscite con le relative indicazioni. E si apre un mondo. E quale modo migliore per parlare di un luogo del genere se non quello di esplorare, toccare con mano, provare a creare delle mappature sociali e, in ultima analisi, raccontare il paesaggio urbano attraverso i gesti, le parole e gli sguardi di coloro che ne costituiscono la componente sociale?
Il film non ha colonna sonora, lo spettatore ascolta quelli che sono i rumori tipici di luoghi a ridosso di una tangenziale. Le ultime immagini, però, sono accompagnate dalle note della canzone di Lucio Dalla, “Il cielo”, che sembrano suggerire un barlume di speranza, e che richiamano alla mente uno dei fotogrammi che si incontrano durante i 93 minuti di film: un prete francescano, munito di macchinetta digitale, sul bordo della strada, incurante dello scorrere incessante delle auto, fotografa il cielo e la sua immensità, che sovrasta indistintamente questi paesaggi dell’ordinario, così miseri ma così veri.

Note
(1) Renato Nicolini, nel suo articolo “Una macchina celibe”, descrive il GRA come un’immagine preformata, luogo della rappresentazione, un tentativo, malriuscito, di restituire alla città il limite che una volta era rappresentato dalla cinta muraria. La tesi sostenuta da Nicolini è che il raccordo, in realtà, assume un ruolo decisivo nel nascondere le contraddizioni della città contemporanea, che diventano particolarmente evidenti nelle sue aree di bordo, frammentate, eterogenee, disordinate e mutevoli.
(2) «Il Grande Raccordo Anulare circonda la città come un anello di Saturno». Federico Fellini, nel suo storico film Roma del 1976, così descrive il GRA, allorquando cerca di immaginare come possa apparire la città eterna a chi vi arriva per la prima volta in macchina, dall’autostrada. E guardando le scene del film si scopre una straordinaria somiglianza tra certe scene e quelle che ancora oggi potremmo osservare percorrendo un tratto di questa autostrada urbana.
(3) La città diffusa, denominata sprawltown dallo storico dell’urbanistica Richard Ingersoll, è un fenomeno ormai attuale e caratteristico del paesaggio urbano contemporaneo.
(4) Per Marc Augè i non luoghi sono spazi in cui la «vocazione principale non è territoriale, non è di creare identità individuali, relazioni simboliche e patrimoni comuni, ma piuttosto di facilitare la circolazione (e quindi il consumo) in un mondo di dimensioni planetarie».
(5) La “deriva” è una pratica di esplorazione urbana, sviluppata alla fine degli anni Cinquanta come tecnica psicogeografica dal gruppo dell’Internazionale Situazionista. Guy Debord, uno dei suoi principali esponenti, nel suo Théorie de la Dérive, così scrive «Per fare una deriva, andate in giro a piedi senza meta od orario. Scegliete man mano il percorso non in base a ciò che sapete, ma in base a ciò che vedete intorno. Dovete essere straniati e guardare ogni cosa come se fosse la prima volta. Un modo per agevolarlo è camminare con passo cadenzato e sguardo leggermente inclinato verso l'alto, in modo da portare al centro del campo visivo l'architettura e lasciare il piano stradale al margine inferiore della vista. Dovete percepire lo spazio come un insieme unitario e lasciarvi attrarre dai particolari».
(6) Franco La Cecla, nel suo Perdersi: l’uomo senza ambiente, scrive: «[Perdersi] può consentire quel fuor di luogo per cui siamo costretti a ricostruire i nostri punti di riferimento, a misurarci e a ridefinirci rispetto ad un altro contesto. In questi casi il nostro riambientamento ci consente di “apprendere ad apprendere”, riattiva cioè un’interazione tra noi e l’ambiente».
(7) Paola Viganò, nel suo La città elementare, paragona l’atto del camminare ad una «processo di appropriazione della topografia, una realizzazione spaziale del luogo». L’esplorazione diventa un metodo d’indagine ottimale per i territori frammentati e disordinati della contemporaneità.

 

Autore Data pubblicazione Volume pubblicazione
SCIARRONE Cristina 2013-11-05 n. 74 Novembre 2013
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack