L'editoriale di (h)ortus


carciofi.jpg
Ai lettori più assidui di (h)ortus non sarà sfuggito come, a fronte di una costante pubblicazione di saggi, progetti e recensioni all’interno della rivista nonché di testi della collana che di questa rivista è parte integrante – gli (h)ortusbooks – si assista a un progressivo diradamento degli editoriali che fino a qualche tempo fa accompagnavano mensilmente il percorso della rivista, cercando di circoscrivere ambiti di riflessione intorno ai quali i contribuiti provavano a Continua...

La città della postproduzione

Questo libro raccoglie una serie di saggi sulla postproduzione intesa sia quale condizione che connota oggi i territori europei, sia quale atteggiamento progettuale – realizzare non è più sufficiente e non è più centrale servono interventi altri, altre sovrascritture. Come nella prassi cinematografica, raramente la presa diretta esaurisce il momento di formalizzazione di un film: è necessario applicare un complesso di operazioni quali il doppiaggio, il montaggio, il missaggio che seguono la fase delle riprese e precedono la commercializzazione.
Continua...

PDF

architetture_cipollaIl Jardin d'Eole di Michel Corajoud

Lo spessore come contenitore di luoghi

Benedetta Di Donato

corajoud_tIl Jardin d'Eole (Jd’E), opera di Michel Corajoud, si trova nel 18° Arrondissement di Parigi, in un'area di circa quattro ettari un tempo proprietà della SNCF (società ferroviaria francese).  Il progetto s’inserisce in un ambito a sviluppo longitudinale, le cui dimensioni prevalenti sono delimitate ad ovest da un fitto reticolo di binari ferroviari e ad est dalla città; i due lati inferiori, nord e sud, sono stretti fra una strada di scorrimento (rue Riquet), e un’altra porzione di città. Il giardino, quindi, è tra la ferrovia e la città, ed è questo spessore che Corajoud frattura, ricompone ed organizza in una sequenza di spazi diversi articolati in fasce longitudinali.


Il Jd’E, ad un primo sguardo, sembra distante dalle prime esperienze progettuali di Corajoud – il Parc de l'Arlequin (Grenoble, 1974) e il Parc de Coudrays (Saint-Quentin-en-Yvelines, 1974) – che raccontano un atteggiamento orientato a trasformare radicalmente il contesto: il paesaggio, frutto di una sapiente operazione di modellazione del suolo, appare non più riconoscibile, quasi completamente trasfigurato.
Qui la costruzione artificiale della topografia è denunciata dalla geometria astratta delle colline e dall'impianto regolare della vegetazione. Entrambi questi parchi si confrontano con la cultura francese del giardino e ne ereditano l'organizzazione dello spazio attraverso una costruzione geometrica rigorosa e l'uso della prospettiva per influenzare lo stato d'animo ed il comportamento dell'osservatore. Al tempo stesso l'interesse per il paesaggio agrario e il continuo interrogarsi sull'orizzonte introducono inediti elementi, che suggeriscono un nuovo modo di costruire il parco urbano. Oggi Corajoud si è allontanato da un approccio così trasformativo in favore di una maggiore attenzione al carattere dei luoghi. Egli stesso scrive:

(…) Je sais donc aujourd'hui, que j'ai trahi la notion que je prétendais défendre, celle de l'antériorité du site, de la contingence et de la circonstance. (…) J'ai appris depuis que le paysage résiste aux génerlités. (…) Mes projets d'aujourd'hui sont toujours tendus par les memes aspirations mais ils sont plus attentifs aux lieux ou' ils s'installent. Je cherche un prolongement plus qu'une trasformation. Puor matriser l'espace il n'est pas nécessarie de rompere avec le temps. (Corajoud, 1980).  

Tuttavia tale cambiamento può essere considerato la diversa tappa di uno stesso percorso verso la costruzione della città. Pertanto, è da un confronto serrato di tutta la sua produzione che emergono i tratti di permanenza del suo atteggiamento progettuale: la moltiplicazione degli orizzonti, l'attento lavoro di misura dello spazio e la costruzione di paesaggi dove la comunità è rimessa in relazione con lo spazio pubblico.
Nel tempo la sua poetica è molto cambiata: egli preferisce organizzare lo spazio come un prolungamento della configurazione precedente, e il progetto è più che altro una frattura interna originata da un lento processo di lettura del contesto.
Leggiamo ancora la stessa aspirazione urbana, la stessa attenzione per costruire lo spazio secondo un ritmo più lento di quello della città, la stessa curiosità per i comportamenti che il paesaggio è capace di generare, la stessa necessità di instaurare una relazione con gli spazi che sono oltre il limite. Nel suo lavoro le idee si concretizzano nello spazio, che diventa così il centro riconoscibile del progetto. La poetica affronta l'idea e la risolve trasferendola sul piano spaziale in modo leggibile. Il progetto è decodificabile, gli elementi chiave dell'organizzazione spaziale possono essere immediatamente identificati, e l'operazione di costruzione del paesaggio è condotta con chiarezza, la stessa chiarezza che guida il Corajoud urbanista nella lettura della città.  
Nel Jd’E il rapporto intellettuale che il paesaggista stabilisce con la ferrovia diventa centrale per la definizione dell'atmosfera di attesa che caratterizza lo spazio: il disegno longitudinale dei binari ha suggerito l'idea di un paesaggio dal passo dilatato, dove le linee lunghe diventano l'elemento chiave della spazialità rinnovata.  Corajoud al tempo stesso media il rapporto con il paesaggio ferroviario negando l'orizzontalità del sito e costringendo l'osservatore ad una posizione dominante rispetto alla ferrovia. Esattamente come il passeggero, l'abitante si trova ad una quota superiore, in uno spazio che amplifica la fascinazione per il viaggio a mezzo della distanza tra soggetto e oggetto.  
Il giardino è organizzato in tre ambiti, il primo dei quali è la collina artificiale che solleva il visitatore ad una quota diversa rispetto alla viabilità carrabile (rue Riquet): in questo modo Corajoud riscrive il suolo a nord isolando il giardino, evita che vi siano zone d’ombra e introduce una quota diversa con cui risolvere il rapporto con i binari. È infatti proprio portando il visitatore in una posizione dominante rispetto alla ferrovia e all’esplanade – il secondo ambito – che Corajoud gli permette di accedere all’ambito più importante, quel percorso a fascia che è il centro del suo progetto, un nastro attraversabile che si srotola sulla collina, si prolunga nella passerella sopra l’esplanade e infine congiunge la città.
Non bisogna però immaginare tale percorso come un luogo a sé. Esso piuttosto è progettato all’interno dell’ambito della collina – e anche quando se ne allontana, esso si fa banchina fisicamente e ambiguamente sospesa sui binari e sull’esplanade – ed è solo per la sua forma rettilinea e per la sua organizzazione ragionata che possiamo differenziarlo.
Esso è “portato” dalla collina, ed è quindi alla collina che occorre dedicare un primo sguardo analitico, visualizzando per ora il giardino come fosse strutturato solo di due ambiti, l’esplanade – il prolungamento della città – e la collina. L’uno e l’altro sono collegati da una grande scalinata, è fiancheggiata da rampe e percorsi longitudinali che dall’esplanade salgono fino a raggiungere la zona più raccolta del giardino, sempre organizzata da lunghe linee parallele. Alle sedute è lasciato il compito di risolvere alcuni salti di quota, così nel giardino le aree di sosta si alternano ai percorsi in modo puntuale e diffuso.
Tale giardino però non rappresenta il punto di arrivo, alla stregua di un punto panoramico che sia posto alla sommità di un’altura; esso piuttosto è il punto di partenza per una diversa fruizione dello spazio, più esperienziale che contemplativa. Da qui si articola il percorso a fascia, che corre lungo i binari e lega la collina alla città. Il percorso è senz’altro l’ambito più costruito da Corajoud. Egli accentua infatti l’orizzontalità dei binari e del sito, con infinite ricadute sulla percezione dello spazio e sul senso dell’esperienza dell’attraversamento di un luogo, collega parti che sarebbero fra loro distanti e inserisce a mezzo di gabbie, stanze di gioco e di ritrovo inattesi che fratturano la longitudine della fascia, che intercettano ad ogni passo il cammino del visitatore imponendogli di girare lo sguardo. Sguardo che nel primo tratto incontra un lungo parapetto ligneo, troppo alto, da cui è costretto a cercare l'orizzonte tra i giunti; nell'ambito successivo il parapetto si abbassa bruscamente e le stanze - gioco rimettono in tensione la vista dei binari. In sequenza una serie di lunghe panche e i tavoli di legno sono pensati come veri e propri dispositivi di paesaggio: zone predisposte all'esperienza dell'incontro e a molteplici riunioni inattese.
La fascia si conclude con una passerella, necessaria per riconnettere l'ambito a contatto con i binari con la quota della città, che appare come un residuo della ferrovia: un ultimo binario sospeso, traversabile, abitabile.
Il muro traforato situato sotto la passerella, opera dell'artista Carmen Perrin, nega la vista del vallo dall'esplanade e ribadisce l'impossibilità di una relazione diretta con i binari.
Di natura opposta il margine tra città e giardino: lungo i limiti dell’esplanade una lunga panca di pietra e una vasca con specie acquatiche sono gli unici elementi che “separano” questo luogo dalla città, salvaguardando la continuità della vista dall'esterno verso l'interno e viceversa. Qui il progetto si fa aperto verso la città senza ostacoli visivi, organizzato con specie arbustive e tappezzanti.
All’interno si susseguono, parti a stabilizzato, vasche per la raccolta delle acque e aree aperte alla colonizzazione delle piante selvatiche.
La leggera pendenza della superficie a prato, una topografia costruita, indirizza l'acqua meteorica verso i canali per il deflusso delle acque, così come la piazza pavimentata, che la convoglia verso la vasca ed il sistema di irrigazione; così il giardino si configura come un sistema capace di sostentarsi autonomamente.
Il Jd’E è pensato dal paesaggista francese come un luogo di ricucitura urbana: traversandolo si ha la forte sensazione che sia stata la città stessa a disegnare il giardino, rimettendo in tensione le parti con il tutto.
Pur moltiplicando gli elementi di complessità in un ambito urbano già sovraccarico di segni e significati, Corajoud riesce a costruire inaspettatamente uno spazio di pausa, dove l'atmosfera prevalente è quella dell'attesa.
Il tema del giardino sembra quello dello spessore, spessore delle linee che costituiscono il centro della composizione, spessore degli spazi tra ambiti diversi e spessore che separa la città dal paesaggio ferroviario. Frammenti di micronatura sono collocati tra le rampe che connettono l'ingresso al belvedere, così come i campi da gioco, collocati a loro volta tra il belvedere e le linee lunghe del giardino. Quello che più stupisce è il rapporto poetico che questo spazio costruisce con il contesto: i bordi porosi e il superamento dei limiti attraverso gli immaginari è forse uno degli elementi più interessanti della ricerca di Corajoud, perfettamente espressa in questo giardino. Il Jd’E si limita a condurre e favorire la trasformazione leggendo e facendo della città il suo alfabeto.

Fotografie di Giulia Castaldi

Autore Data pubblicazione Volume pubblicazione
DI DONATO Benedetta 2012-06-15 n. 57 Giugno 2012
 
Hortus

Lo spessore della città

La ricerca Lo spessore della città prende corpo nel 2010 in occasione del secondo bando FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base – Bando Futuro in Ricerca), pubblicato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il bando nelle sue tre edizioni (2008, 2010, 2012) è indirizzato a sostenere ricerche di base di giovani studiosi. La stesura del progetto nella sua prima versione è il tentativo di tradurre assunti teorici, costruiti su nuove necessità di dialogo tra architettura e città, in concreti strumenti operativi.  Continua...

Alter-azioni

Questo libro raccoglie una serie di saggi sull’alterazione, ovvero sul rapporto interpretazione e realtà, sostanzialmente sul come si possa aumentare la realtà oltre l’impiego di strumenti tecnologici. Con l’espressione “realtà aumentata” si vuole qui sostenere l’autonomia della visione, la sua non necessità di protesi da altri impostate, a favore di un potenziamento delegato alla sola teoria. L’obiettivo è aggiornare il binomio teoria-progetto, superare inutili dualismi, affermare la coincidenza dei due termini non solo sul piano dei contenuti ma anche su quello degli strumenti. Continua...

peperone_giallo_trasphortusbooks è un progetto editoriale che nasce dall’esperienza di (h)ortus - rivista di architettura. Raccogliere saggi e riflessioni di giovani studiosi dell’architettura, siano esse sul contemporaneo, sulla storia, la critica e la teoria, sul progetto o sugli innumerevoli altri temi che caratterizzano l’arte del costruire è la missione che vogliamo perseguire, per una condivisione seria e ragionata dei problemi che a noi tutti, oggi, stanno profondamente a cuore.

hortusbooks si propone come una collana agile, aperta ad una molteplicità di contributi nel campo dell'architettura. I volumi vengono pubblicati con tecnologia print on demand dalla casa editrice Nuova Cultura di Roma e possono essere acquistati on-line tramite i maggiori canali di diffusione.

Il paesaggio chiama

paesaggio_chiama_tIn tante città mediterranee e anche qui, nella magnifica cornice dello Stretto di Messina, l’attuale urbanesimo genera immense aree abitate che non sono più né urbane né rurali. Ci guardiamo attorno e nella banalità che ci circonda cerchiamo nuove gravità, proprio in questi luoghi destrutturati, perché è qui che possono e devono prendere forma i paesaggi del nostro tempo. L’importanza del paesaggio è sentita quasi sempre in termini solo difensivi, senza la consapevolezza della sua rilevanza sociale e economica, e di conseguenza senza un coinvolgimento culturale e politico delle comunità. Continua...

Valle Giulia Flickr

vg_flickr_11

Il gruppo Valle Giulia Flickr nasce tre anni fa dall’idea di uno studente di architettura con la passione della fotografia.
Da un piccolo gruppo di appassionati, accomunati dalla voglia di imparare l’arte fotografica e di utilizzarla come strumento per “parlare” di architettura, si è arrivati ad un gruppo che oggi conta più di 260 iscritti.
Lo spirito del gruppo è quello della condivisione come mezzo di conoscenza, sia in campo architettonico che fotografico, e i contest proposti danno l’occasione agli iscritti di confrontarsi su varie tematiche in campo architettonico e sociale. Continua...

Dal paesaggio al panorama, dal panorama al paesaggio

camiz_copertina_tUna mostra che presenti fotografie di paesaggi naturali, così come un osservatore li vede durante una gita, un'escursione, un viaggio, anziché una mostra semplice come si potrebbe credere (perché si potrebbe azzardare che un panorama è sempre bello), si presenta come una mostra piuttosto complessa. In effetti, è la fotografia del paesaggio naturale che è più complessa di quanto non sembri. Infatti, se appunto un ambiente naturale ci appare quasi sempre come bello, in particolare se incontaminato, una sua fotografia non è detto che lo sia. Continua...

Il Giardino dei Cedrati di Villa Pamphilij

cedratiDalla loro domesticazione le piante da frutto sono sempre state utilizzate come elementi costitutivi di diverse tipologie di giardini. In molti giardini storici, a  fronte di esempi virtuosi di conservazione di aree a frutteto o di singole piante da frutto, molto più spesso questi spazi coltivati sono andati perduti, gradualmente sacrificati ad altre priorità nei necessari restauri vegetazionali con perdita di risorse genetiche di valore, ma anche dell’identità dei luoghi. Lo studio di un’ipotesi di recupero del Giardino dei Cedrati in Villa Doria Pamphilj (Roma), oggi profondamente cambiato nella sua forma, struttura e funzione e in progressivo abbandono, rappresenta l’applicazione di un innovativo approccio metodologico, esempio di quella  integrazione di discipline necessaria per non prescindere dalla natura sistemica  di questo luogo. Continua...

Rassegna Italiana | 5 Temi 5 Progetti

Il complesso di risorse culturali, artistiche, ambientali, che sono proprie di un paese noi lo chiamiamo Patrimonio (ma anche l'insieme dei cromosomi che ogni individuo eredita dai propri ascendenti). Le Case sono le abitazioni dell'uomo e l'Esterno è ciò che sta fuori, che viene da fuori. Il termine Tecnologia è composto da arte e discorso, dove per arte si intende(va) il saper fare, in altri termini il progetto del saper fare. La Catastrofe indica i grandi sconvolgimenti provocati dalla natura o dall'uomo. Continua...

Joomla Templates by Joomlashack